L’intelligenza artificiale per tradurre il linguaggio delle balene

Un team di ricercatori della Texas A&M University sta sfruttando i recenti progressi nel campo dell’intelligenza artificiale (AI) per tradurre una forma di comunicazione piuttosto insolita: le vocalizzazioni dei capodogli. I ricercatori hanno ottenuto un ampio corpus di dati sui diversi suoni e vocalizzazioni che le balene fanno per comunicare tra loro e ritengono che i miglioramenti nella tecnologia AI e nell’apprendimento automatico degli ultimi due anni potrebbero permetterci di sviluppare sistemi di traduzione per consentire agli esseri umani di comprendere il complesso sistema di comunicazione delle balene.

Il team, non solo intelligenza artificiale

Il team di ricerca comprende membri del Texas A&M’s Geochemical and Environmental Research Group (GERG), nonché ricercatori del progetto CETI, ovvero la Cetacean Translation Initiative. Al progetto CETI partecipano ricercatori esperti nel campo della linguistica, della biologia marina e della tecnologia. Il loro scopo è quello di ricercare informazioni sui sistemi di comunicazione animale indagando sui capodogli. In quanto utilizzano uno dei più complessi sistemi di comunicazione nel regno animale.

Recentemente, il progetto CETI ha ospitato un seminario alla UC Berkeley, dove i ricercatori hanno discusso del lavoro svolto per decodificare la comunicazione animale. Il responsabile dell’apprendimento automatico ha presentato i prossimi passi che i ricercatori intraprenderanno per analizzare e decodificare i dati acustici codificati nelle vocalizzazioni delle balene.

Il capodoglio è un animale particolarmente adatto per tali ricerche, poiché vanta il cervello più grande del regno animale. Gli antropologi e i linguisti evoluzionisti sono da tempo interessati alla comunicazione animale. Questi sistemi più rudimentali, come le vocalizzazioni delle balene o il canto degli uccelli, possono fornire informazioni su come il linguaggio si sia evoluto e sviluppato negli esseri umani. Ora, gli specialisti di intelligenza artificiale focalizzano i propri sforzi nel tentativo di sviluppare sistemi di traduzione che ci consentiranno di comprendere alcune delle comunicazioni non umane più complesse documentate fino ad oggi. “GERG e Texas A&M sono entusiasti di far parte di questo progetto e siamo lieti di essere stati contattati per costruire questi sistemi”; ha affermato Anthony Knap, ricercatore principale di Texas A&M per il progetto.

Localizzazione a cura di Stefano Gaffuri.

Originale qui.