RUBRICA “I PAESI MULTILINGUE”. STAGIONE 2 – PUNTATA 7 “CONGO”

Il nostro ultimo viaggio ci ha portato alla scoperta dell’India e delle sue lingue. Oggi attraversiamo l’oceano Indiano per sbarcare nella terra dove tutto è iniziato: la “culla dell’umanità“. Sì, esatto, oggi siamo in Africa. La nostra destinazione finale è il fiume Congo. Fiume che separa due nazioni accomunate dall’origine del proprio nome e, purtroppo, da anni di violenze e instabilità.

In questo episodio della rubrica “I paesi multilingue” parliamo della storia e delle lingue parlate nella Repubblica del Congo e nella Repubblica Democratica del Congo.

Entrambe le nazioni hanno origine coloniale. Alla fine del 1800 la regione subì una spartizione territoriale destinata a mantenersi nel tempo. Due paesi europei suddivisero il bacino del fiume in due possedimenti coloniali distinti. La Francia prese possesso della zona sinistra del bacino medio e inferiore, l’attuale Repubblica del Congo. Il Belgio l’area a destra del bacino inferiore, l’odierna Repubblica Democratica del Congo.

Francia e Belgio. Non stupisce quindi che questi due paesi condividano anche una, e non solo una, delle lingue ufficiali: il francese.

La Repubblica del Congo

La Repubblica del Congo, come anticipato, faceva parte dei possedimenti d’oltremare francesi. Ad oggi è un paese indipendente, lo è già dal 1960, e la sua capitale è Brazzaville. Il nuovo paese, fino al 1992, si chiamò Repubblica Popolare del Congo.

La nazione confina con il Gabon, il Camerun e la Repubblica Democratica del Congo. Il paese è scarsamente popolato, con la maggior parte delle persone che vivono nella parte sud-occidentale. La popolazione è etnicamente e linguisticamente diversa, contando addirittura 62 lingue.

Il francese è la lingua ufficiale, mentre le lingue bantu kituba e lingala sono le lingue nazionali del paese. Il francese è ampiamente parlato nella comunità congolese-europea e tra le élite africane. La maggior parte dei francofoni in Congo (88%) vive nell’area urbana di Brazzaville. Il francese è usato come mezzo di istruzione nelle scuole e in altre strutture educative in tutto il paese e come lingua del governo.

La Repubblica Democratica

La Repubblica Democratica del Congo, chiamata tra il 1960 e il 1964 Repubblica del Congo e dal 1971 al 1997 Zaire, è il paese francofono più popoloso al mondo.

Il francese, lingua ufficiale, è usato come lingua etnicamente neutrale (o lingua franca) per la  comunicazione tra i differenti gruppi etnici del paese. Secondo un sondaggio commissionato nel 2014 dall’OIF, 33 milioni di congolesi (il 47% della popolazione) erano in grado di leggere e scrivere in francese. A Kinshasa, la capitale, il 67% della popolazione era in grado di leggere e scrivere in questa lingua e il 68,5% di parlarla e capirla. Delle numerose lingue parlate nello Stato, soltanto 4 hanno lo status di lingue nazionali sin dai tempi dello Stato Libero: kituba lingala (le stesse della sponda occidentale del fiume), tshiluba swahili.

Il lingala è stato dichiarato lingua ufficiale dell’esercito sotto Mobutu e dalle ribellioni dell’esercito nell’Ovest è andato via via affermandosi anche lo swahili.

Congo: un fiume, due nazioni, 5 lingue.

Stefano Gaffuri