Cybersecurity, sicurezza, servizi linguistici e privacy

In una realtà in cui il digitale è divenuto parte integrante della quotidianità, il cyberspazio, l’oggetto di tutela della cybersecurity, rappresenta un vero e proprio “nuovo mondo” in cui confluiscono migliaia di dati ogni giorno. La protezione di queste informazioni risulta essenziale per qualsiasi comunità internazionale, nazione, azienda e utente.

Di cosa parliamo?

La cybersecurity, IT security o ICT security, può essere definita come un sistema volto a proteggere dagli attacchi, interni e soprattutto esterni, i sistemi informatici, computer, dispositivi mobili, reti e dati. Attacchi capaci di distruggere dispositivi e/o reti, rubare e/o vandalizzare i dati, utilizzandoli a “piacimento” dell’hacker.

 La mancanza di sistemi di cybersecurity adeguati viene considerata come un’emergenza di primaria importanza all’interno dell’Unione Europea. In questo senso è di notevole interesse la misura restrittiva imposta dall’UE il 30 luglio c.a. nei confronti di persone ed entità colpevoli di aver compiuto diversi cyber-attacchi.

Conseguenze

Tra le possibili minacce di questi attacchi informatici può esserci il blocco totale delle attività operative, il furto della proprietà intellettuale e di dati o informazioni sensibili, dell’azienda o del cliente. Laddove sia necessario un rigoroso rispetto della privacy e non divulgazione dei dati, affidarsi a un sistema di cybersecurity autorevole dev’essere prerogativa preponderante dell’azienda.

Basti pensare ai famosi attacchi denominati malware wannacry e notpetya per farsi un’idea di quali possibili conseguenze possa causare una scarsa valutazione del problema.

Cybersecurity e traduzione

Nel nostro ambito, dalla ricezione dei documenti ai processi traduttivi e il rinvio dei documenti tradotti, nel 90% dei casi, si passa per dispositivi connessi.

L’invio dei file da parte del cliente può avvenire in svariate modalità, per lo più informatiche. Ci si può avvalere del semplice invio via email ma, soprattutto per i clienti più grandi, stabiliamo un flusso di lavoro “più diretto”, con la creazione di una cartella condivisa criptata. I progetti del cliente sono quindi protetti, rispettandone la confidenzialità. Ciò è molto importante quando si consideri il valore intrinseco di alcuni testi, quale è il caso dei brevetti che devono ancora essere depositati, e dei documenti legali in generale. La restituzione dei file al cliente seguirà, nella maggior parte dei casi, gli stessi canali utilizzati per l’invio iniziale.

Un sistema debole e inadeguato potrebbe esporre al rischio di furto dei dati, una circostanza che, laddove avvenisse, potrebbe rappresentare nel migliore dei casi un increscioso inconveniente, ma, in molti altri, potrebbe configurarsi come un vero e proprio danno patrimoniale per il proprietario dei documenti.

In ASTW abbiamo fatto della cybersecurity una priorità, al fine di garantire riservatezza e sicurezza a tutti i dati e le informazioni dei nostri clienti.

Stefano Gaffuri