RUBRICA “I PAESI MULTILINGUE”. STAGIONE 2 – PUNTATA 5 “RUSSIA”

Nelle scorse puntate abbiamo attraversato le Americhe da nord a sud. Partendo dal Canada abbiamo ridisceso queste terre fino in Paraguay, alla scoperta delle lingue parlate in questi Paesi multilingue. Dopo esattamente due mesi di viaggio è giunta l’ora di tornare a casa, anche se per poco. Il tempo di disfare le valige e di riordinare le idee e siamo nuovamente pronti per una nuova destinazione alla ricerca dei sistemi linguistici utilizzati nelle varie nazioni del mondo. Il nostro volo (sempre virtuale) dura poco più di sette ore, partiamo ovviamente da casa nostra, Genova, e dopo uno scalo a Roma ci dirigiamo verso una delle capitali più affascinanti dell’emisfero boreale. Stiamo parlando di Mosca, la città più popolosa nonché il principale centro economico e finanziario della Russia.

La sola lingua ufficiale in Russia è il russo. Tuttavia, la Costituzione della Federazione Russa, adottata nel 1993 in sostituzione della precedente Costituzione sovietica, suddivide la nazione in 83 soggetti federali. Le repubbliche possono scegliere liberamente una seconda lingua ufficiale.

A partire dal 2014, però, la Russia è costituzionalmente composta da 85 entità federali. Ciononostante, le annessioni della Repubblica di Crimea e della città autonoma di Sebastopoli non sono giudicate lecite e queste entità non vengono attribuite alla Federazione dalla maggioranza degli stati esteri, Unione europea tra questi.

La Federazione

La nazione viene solitamente suddivisa in Russia europea e Russia asiatica. Si estende su gran parte dell’Europa orientale e su tutta l’area settentrionale del continente asiatico.

Come accennato precedente comprende diversi soggetti federali suddivisi in repubbliche, province (oblast’), territori (kraj), circondari autonomi (okrug), due città federali e una provincia autonoma.

La Russia è popolata da circa 142 milioni di abitanti che vivono in maggioranza nella parte europea.
La Capitale, Mosca, con i suoi 11 500 000 abitanti è una delle città più popolate del pianeta. Altre dodici città russe contano più di un milione di abitanti.

Tra i principali gruppi etnici che vivono nella Federazione, il più numeroso è quello dei russi (80% con circa 116 milioni di individui) seguito, in ordine di grandezza, da tatari o tartari (circa 5,5 milioni), ucraini (circa 3 milioni), baschiri (circa 1,7 milioni), ciuvasci (1,6 milioni di individui), ceceni e armeni (1,4 milioni di individui).

Le lingue parlate in Russia

Sono più di cento le lingue parlate dai vari gruppi etnici. Secondo il censimento del 2002, effettuato dalle autorità russe, più di 142 milioni di persone parlano russo, seguite da 5,3 milioni di lingua tartara e 1,8 milioni di lingua ucraina.  Come dicevamo, la lingua russa è l’unica lingua ufficiale della Federazione, ma la Costituzione conferisce alle singole repubbliche il diritto di stabilire le lingue ufficiali da affiancare, neanche a dirlo, alla lingua nazionale.

Oltre al russo, sono numerose le lingue co-ufficiali in Russia. Queste includono l’Ucraino, il Ceceno e il Tataro di Crimea.

Inoltre, alle varie lingue si affiancano numerosi dialetti che vengono solitamente distinti in due gruppi principali: settentrionale e meridionale. La variazione settentrionale è prevalentemente utilizzata lungo il fiume Volga ed è ulteriormente suddivisa in altri cinque sottodialetti. Il dialetto del Sud è utilizzato prevalentemente nel Caucaso settentrionale, nelle regioni inferiori del Volga e del Don, nella Siberia meridionale e nel sud degli Urali ed è composto da quattro sottodialetti più piccoli.

C’era da aspettarselo, direte voi. Un territorio così vasto deve sicuramente godere di una varietà linguistica considerevole. Ma avreste mai immaginato fosse così ampia?

До свидания (arrivederci) e alla prossima puntata.

Stefano Gaffuri