Parole nuove: i neologismi nei dizionari del 2023

Ogni lingua è un’entità viva, che affronta ogni giorno nuove sfide, si confronta con le evoluzioni e il passare del tempo, e si adatta ai cambiamenti della cultura e del contesto”. Con queste parole l’Associazione nazionale italiana traduttori e interpreti definisce un concetto ben noto a tutti noi linguisti: i neologismi, volente o nolente, sono parte integrante delle lingue naturali. E quale momento migliore se non la fine dell’anno solare per dare un’occhiata ai neologismi che entreranno nei dizionari nel 2023?

I neologismi sono lo specchio più realistico del nostro tempo, fotografano i cambiamenti nella realtà che ci circonda, arricchendo il nostro lessico di termini capaci di descriverla.

Un nuovo vocabolo può, ad esempio, rendersi necessario per descrivere una nuova invenzione (come spesso accade nell’ambito dei brevetti), un comportamento, un oggetto, una nuova tecnica o scoperta scientifica.

Il naturale evolversi della lingua segue percorsi di volta in volta differenti per accogliere e coniare nuovi termini. Tuttavia, l’iter “standard” di affermazione dei neologismi ha sempre inizio con la nascita e diffusione del termine nell’uso comune dei parlanti, entrando successivamente all’interno dei dizionari linguistici.

Le nuove tecnologie e la rapidità di diffusione dell’informazione tipiche di questi anni hanno portato a una crescita esponenziale di nuovi termini entrati nell’uso comune. Dai social network alle trasmissioni televisive, dagli articoli di cronaca ai testi delle canzoni, ogni terreno può essere fertile per i linguaggi naturali.

Spetta poi agli editori dei vocabolari di riferimento eleggere, rispettando rigorosi criteri di selezione, i termini da “ufficializzare” come parte integrante del sistema linguistico. Termini che, ricordiamo, potranno poi essere depennati in caso di inutilizzo prolungato.

Ma arriviamo ora al nucleo del nostro articolo: i neologismi del 2023

Neologismi 2023, tra italiano, inglese e francese

Abbiamo deciso di iniziare questo nostro excursus con i neologismi inseriti nei dizionari italiani nel 2023. Iniziamo quindi dal celebre editore italiano Zanichelli, il quale ha annunciato l’inserimento di 1000 nuove parole all’interno del suo Zingarelli 2023.

Non faremo qui un elenco completo di tutti i neologismi, ma ci limiteremo a segnalarne i più curiosi e interessanti. Quali:

  • Greenwashing: ambientalismo solo apparente, di facciata, da parte di un’azienda che vuole presentarsi come ecologicamente responsabile per scopi pubblicitari e di immagine.
  • Adultizzare: rendere precocemente adulto.
  • Piedibus: una forma di trasporto scolastico per gli alunni delle elementari e medie che vengono accompagnati a piedi a scuola da adulti, con le stesse modalità dello scuolabus.
  • Catcalling: molestia consistente nell’espressione verbale e gestuale di apprezzamento di natura sessuale.
  • Macaia: termine ligure per indicare un fenomeno atmosferico caratterizzato da tempo umido e afoso, con cielo coperto e vento di scirocco, tipico del golfo di Genova
  • Algocrazia: forma di società basata sul dominio degli algoritmi e della tecnologia.

Se ad alcuni di voi la presenza di anglicismi potrebbe sembrare eccessiva, non preoccupatevi, Mario Cannella (lessicografo che cura l’aggiornamento del dizionario Zanichelli) rassicura che i neologismi di origine anglofona rappresenta solo il 3% dei termini presenti.

Ma diamo ora un’occhiata ai dizionari fuori dai nostri confini.

Oxford English Dictionary

L’ultimo aggiornamento dell’OED, effettuato a settembre 2022, ha inserito all’interno del dizionario un totale di 650 neologismi, che verranno con ogni probabilità conservati per il 2023. Vediamo, ad esempio, l’ingresso di termini come:

  • trequartista: dall’italiano, un giocatore offensivo che opera nello spazio tra centrocampisti e attaccanti e il cui ruolo primario è quello di creare opportunità da gol.
  • energy poverty: la condizione di non potersi permettere o ottenere risorse energetiche sufficienti per soddisfare i bisogni primari di una famiglia o di una popolazione.
  • medical indigency: la condizione o lo stato di una persona che non dispone delle risorse per ricevere o permettersi cure mediche adeguate.
  • coachable: agg. di una persona (attitudine) dotata o caratterizzata dalla capacità di apprendere o adottare nuovi metodi o tecniche; capace di essere allenato.

Édition Larousse

Anche il celebre dizionario francese ha annunciato l’inserimento di 150 neologismi per il 2023.

grossophobie: atteggiamento ostile, beffardo e/o sprezzante, anche discriminatorio, nei confronti di persone obese o in sovrappeso.

wokisme: (italianizzato in wokismo) l’ideologia incentrata sui temi dell’uguaglianza, della giustizia e della difesa delle minoranze.

NFT: file digitale non riproducibile e a prova di manomissione che rappresenta un bene unico, oggetto virtuale o fisico (opera d’arte, tweet, brano musicale, ecc.) elencato in una blockchain.

jouabilité: insieme di possibilità interattive offerte da un videogioco.


Fonti: La Repubblica, Sky Tg24, Il Messaggero, OED, CiDJ, Le Point