Written by ASTW

Tradurre brevetti: Only the brave

Non si può sapere tutto. Nessuno può avere buone basi di informatica, biochimica, chimica organica, meccanica, elettronica, tali da permettergli di tradurre qualsiasi testo in cui siano presenti tali argomenti. Non si può umanamente pretendere da un traduttore la capacità pressoché totale di gestire lessici così vari, mondi terminologici e modi espressivi così lontani tra loro.

Tuttavia, c’è un settore della traduzione in cui al traduttore è richiesto di avere orecchio per molti campi tecnici, virtualmente qualsiasi ambito tecnologico e scientifico che abbia una potenziale ricaduta industriale. Questo è il campo della traduzione brevettuale.

Alcuni scomodano espressioni altisonanti e magniloquenti quali “l’arte di tradurre brevetti” oppure “l’artigianato della traduzione brevettuale”, ma al netto dell’enfasi e della retorica è innegabile che la traduzione di brevetti sia un compito spesso arduo, talvolta al limite delle possibilità traduttive. Questo perché, essendo la tecnologia oggetto del brevetto all’avanguardia della tecnica interessata, il traduttore non ha spesso molte fonti terminologiche a cui attingere per tradurre il brevetto. Fortunatamente questi sono casi abbastanza rari, e l’uso di termbase, memorie di traduzione e altri riferimenti attendibili sono la maggior parte delle volte più che sufficienti per portare a termine una traduzione degna di questo nome.

Tuttavia, la continua ricerca di nuovi glossari, la compulsione spesso ossessiva di dizionari, la ricerca di nuovi termini da usare per rimpinguare i propri termbase sono chiari sintomi di una malattia che spesso colpisce ogni traduttore brevettuale, una patologia, rientrante e pieno titolo nei disturbi compulsivo-ossessivi, che potremmo indicare lessicomania, malattia di cui tra il serio e il faceto si dichiarava affetto Edoardo Sanguineti. Ogni bravo traduttore di brevetti è un lessicomane, un collezionista ossessivo di termini, un compulsatore solitario di vocabolari, un maniaco dell’esattezza terminologica.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.