RUBRICA “I PAESI MULTILINGUE”. STAGIONE 2 – PUNTATA 3 “MESSICO”

“Messico e nuvole” cantava Enzo Jannacci negli anni 70′, ed è con questa melodia nelle orecchie che prosegue il nostro viaggio “I Paesi Multilingue“. Dopo aver parlato del Canada e della Louisiana continuiamo la nostra discesa latitudinale approdando a Manzanillo, alla scoperta delle lingue parlate negli Stati Uniti Messicani.

Nonostante lo spagnolo sia parlato da quasi la totalità della popolazione, nella Constitución Política de los Estados Unidos Mexicanos non è prevista un’unica lingua ufficiale. Bensì, in Messico, vivono e convivono quasi 70 lingue nazionali. Con la Legge dei diritti linguistici dei popoli indigeni del 2003 è stata stabilita l’eguale valenza delle lingue native, così come delle lingue parlate da altri popoli indios insediati nella federazione, rispetto alla lingua spagnola.

Le lingue indigene del Messico

Come dicevamo, sono più di 60 le lingue indigene parlate nel territorio messicano. Il numero di parlanti varia notevolmente da una lingua all’altra, passando dalle circa un milione di persone della lingua Maya alle neanche cento dell’Oluteco. Ciononostante, la sopracitata Ley del 13 marzo 2003 consente al popolo messicano (quantomeno sulla carta) di utilizzare la propria lingua per rapportarsi con la pubblica amministrazione, prevedendo la stesura dei documenti ufficiali anche in questi idiomi.

Queste lingue indigene appartengono a ben otto famiglie linguistiche differenti, dalle lingue uto-azteche alle lingue maya. Sono parlate da circa il 7% della popolazione messicana (circa sei milioni di abitanti) rendendo così lo stato il secondo maggiore delle Americhe, dopo il Perù, per numero di parlanti.

La lingua autoctona più parlata è il Nahuatl. Una lingua di origine azteca parlata da più di un milione e mezzo di persone e spesso definita “la lingua messicana”. La tutela e lo sviluppo di questi sistemi linguistici sono affidati all’INALI (Instituto Nacional de Lenguas Indígenas) ed è promosso anche grazie all’insegnamento bilingue di questi idiomi durante il percorso scolastico, al fianco dello spagnolo.

Un esempio virtuoso di inclusione e integrazione. Valori che hanno portato alla nascita di numerose iniziative, tra cui “68 Voces 68 Corazones“. Una serie animata di racconti indigeni messicani narrati in lingua originale. O meglio, lingue originali.

Stefano Gaffuri

Link all’elenco completo, pubblicato dall’Istituto Nazionale di Statistica e Geografia messicano, qui.